giovedì 16 giugno 2011

Spiagge pulite: le 10 regole d'oro dell'eco bagnante

Decalogo dell’eco-bagnante per sollecitare comportamenti più responsabili da parte di tutti i cittadini che vanno al mare.
1. Non usate le spiagge come depositi di rifiuti.
2. Non gettate sacchetti di plastica né in mare né sulla spiaggia. Causano la morte per soffocamento di animali marini come le tartarughe, i delfini e le balene che le scambiano per meduse, il loro cibo prediletto.
3. Se scoprite uno scarico abusivo in mare, segnalatelo subito alla Capitaneria di Porto più vicina oppure al numero verde del Noe, il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri (tel. 800.253608).
4. Anche un gesto apparentemente banale come gettare in mare un mozzicone di sigaretta rappresenta un danno per l’ecosistema marino. Sapevate che una sola «cicca» di sigaretta inquina un metro cubo d’acqua ?
5. Evitate di raccogliere le stelle marine, i coralli, i molluschi bivalvi, i cavallucci marini.
6. Quando è possibile cercate di convincere i pescatori dilettanti a rigettare in mare i pesci di piccola taglia.
7. Rispettate il divieto di navigazione a motore entro 300 metri dalle coste sabbiose e 150 metri dalle scogliere.
8. Cercate di evitare schiamazzi eccessivi sia sulla spiaggia che in mare.
9. Quando trovate spiagge rese inaccessibili per la presenza di abitazioni o terreni privati, informatene la più vicina Capitaneria di Porto: la legge italiana prevede il libero accesso per tutti al litorale.
10. Se fate la doccia sulla spiaggia o in barca, evitate l’uso di shampoo o bagnoschiuma.
11. Durante la navigazione prestate attenzione alle boe di segnalazione dei subacquei.

Il tempo di degrado di alcuni rifiuti troppo spesso abbandonati nell’ambiente:

Fazzolettino di carta: 3 mesi
Mozzicone di sigaretta: da 1 a 5 anni
Bucce di arancia o banana: oltre 2 anni
Contenitore pellicola per foto: da 20 a 30 anni
Gomma da masticare: 5 anni
Cannuccia: da 20 a 30 anni
Accendino di plastica: da 100 a 1.000 anni
Bottiglie di vetro: 1000 anni
Bottiglie di plastica: mai completamente

3 commenti:

  1. Sara e Antonio16 giugno 2011 14:24

    Fontane Bianche è una bella località e soprattutto ha un mare da far invidia a tutti, però quello che ci vorrebbe è una partecipazione più attiva da parte dell'amministrazione comunale.

    RispondiElimina
  2. SE FONTANE BIANCHE DIVENTA AUTONOMA DI SICURO SARA' MOLTO PIU' PULITA DI ADESSO E AVRA' MOLTE PIU' ATTENZIONI, IN OGNI CASO PERO' OGNUNO DI NOI DEVE FARE LA SUA PARTE, CERCANDO DI NON GETTARE A TERRA TUTTO QUELLA CHE CI CAPITA, E AVENDO RISPETTO DELLE COSE MERAVIGLIOSE CHE LA NATURA CI OFFRE.

    RispondiElimina
  3. Molti scambiano le spiagge e il mare per un’immensa discarica a cielo aperto dove abbandonare impunemente i resti del pranzo, piatti, bottiglie, buste di plastica, lattine, per non parlare dei mozziconi di sigaretta, accendini, pile scariche e bottiglie di vetro che diventano una vera minaccia per l’incolumità dei bambini.

    RispondiElimina